L'avvento della tac ha segnato un fondamentale passo avanti nell’indagine diagnostica dei siti ossei, permettendo la precisa programmazione del tipo di intervento  e quindi un programmazione terapeutica più accurata.

Ad esempio tramite la TAC e con l'aiuto dei moderni software implantari è possibile progettare con assoluta precisione il posizionamento degli impianti e, grazie alla creazione di una dima chirurgica, procedere all'intervento senza utilizzare il bisturi riducendo quasi a zero il gonfiore ed il dolore post operatori.

Altro utilizzo fondamentale e' lo studio preoperatorio dell'estrazione dei denti del giudizio in inclusione ossea. La ricostruzione 3D delle ossa mascellari permette di visualizzare con precisione i rapporti tra dente ed importanti strutture vascolo nervose ad esso adiacenti, riducendo notevolmente i rischi legati all'intervento.

In ultimo, ma molto importante, consente di limitare molto l’esposizione del paziente alle radiazioni ed il tempo ridotto per l'esecuzione e la struttura “ aperta” dell’apparecchiatura si traducono in un comfort migliore per i pazienti ansiosi o claustrofobici.